Magazine

L’importanza di viaggiare con i bambini
 : 5 consigli da tenere sempre a mente

Scritto da in Viaggi, Hobbies&Tempo Libero

L’importanza di viaggiare con i bambini
 : 5 consigli da tenere sempre a mente

Sarà che gli spostamenti hanno sempre fatto parte della mia vita, complici anche una famiglia sparpagliata per l’Europa, le innumerevoli trasferte di lavoro e 5 traslochi in 6 anni, di cui 2 internazionali con pargolo al seguito, ma l’arrivo di Ascanio nella nostra vita non ha mai fermato il nostro grande desiderio di viaggiare.

Certo, non da subito abbiamo viaggiato con gli stessi ritmi di un tempo, sono cambiate gran parte delle mete e delle strutture scelte per le soste, ma in ogni caso credo fermamente che avergli dato la possibilità di conoscere il mondo così presto sia per lui un dono grande, che lo accompagnerà per tutta la vita.

Ho iniziato prestissimo a viaggiare con lui. Aveva solo 4 mesi quando l’ho infilato nel Baby Bjorn e siamo partiti da soli alla volta di Londra, per portarlo a conoscere i cuginetti. Quella volta abbiamo addirittura poi proseguito per Dublino, per festeggiare il Saint Patrick’s Day con la mia amica Silvia, trasferita lì grazie al lavoro di suo marito, ai tempi anche lei neo-mamma.

Dopo qualche mese, casualità, all’estero ci siamo finiti anche noi. Ascanio aveva solo 8 mesi quando è iniziata la nostra avventura a Madrid, dove grazie al lavoro del suo papà siamo rimasti più di un anno. Nel giro di qualche giorno, incredibilmente, si è perfettamente integrato nel suo nuovo habitat: casa nuova, parco nuovo, bimbi nuovi, lingua nuova e soprattutto mamma-che-parla-un-altra-lingua.

Per incontrarci con i nonni o con i cugini dovevamo prendere l’aereo e per andare in vacanza il più delle volte era lo stesso (quell’estate siamo stati anche capaci di portarlo a Ibiza). Per settimane e settimane ricordo un susseguirsi di fare e disfare le valigie, impacchettare e spacchettare, tornare e ripartire. E lui lì con noi, allegro, energico, il nostro piccolo globe-trotter.

Pazzi? Forse.

Ho sempre pensato che un pizzico di sana follia aiuti a vivere meglio.

Ma è davvero così difficile viaggiare con i bambini?

Io penso che il più delle volte dipenda da noi, se ci sentiamo davvero pronti ad affrontare un viaggio con loro al seguito e soprattutto se ne siamo entusiasti.

La nostra tranquillità e la messa a punto di una serie di trucchetti in grado di rendere più piacevoli gli spostamenti, saranno sicuramente di grande aiuto anche ai piccoli, che si sa, assimilano quasi sempre i nostri stati d’animo.

Con qualche accorgimento si può riuscire a viaggiare sereni, tutti, loro per primi (che è la cosa più importante).

Improvvisazione?

Ecco, quella proprio no. Viaggiare con i bambini sì può, ma bisogna essere preparati.

Ecco 5 pensieri che tengo sempre a mente:

  • A portata di mano sempre un sacchetto con un paio di cambi, il pigiama, lo spazzolino da denti ma soprattutto l’inseparabile pupazzo della nanna: i bambini amano le proprie cose, soprattutto prima di addormentarsi in un posto nuovo e misterioso.

GAIA_20

  • Cibo, bevande, salviette umide, scottex, un sacchetto della spazzatura e qualche giocattolo sempre disponibili in macchina (o in treno/aereo).

GAIA_18

  • Contatto con la natura, il più possibile. Nelle nostre grandi città i piccoli hanno pochissime possibilità di entrarvi in contatto diretto. La natura restituisce tranquillità e fa sentire liberi. In viaggio cerchiamo sempre di fermarci in strutture il più possibile immerse nel verde, a costo di percorrere qualche chilometro in più, ma per respirare la pace, insieme, rigenerandoci dopo il lungo inverno.

VIOLA_M3_3

  • Fantasia e immaginazione. Credo sia una delle chiavi della serenità del viaggio. Quando visitiamo dei posti nuovi, cerchiamo sempre di raccontare ad Ascanio a modo nostro il passato o la mitologia di questi paesi, vivendoli ogni giorno insieme quasi come in un libro da scoprire, trasmettendogli il più possibile la nostra curiosità di conoscere.

Ascanio-M3

  • Per viaggiare in serenità con i bambini, da non dimenticare ovviamente anche le pause frequenti: lunghe o brevi, sono comunque un’occasione anche per scaricarsi e ripartire senza il broncio, magari anche con la pancia piena, il che concilia sempre il sonno, chissà.

GAIA_14

E voi siete pronti per partire?

Buon viaggio e buone vacanze con i bambini!

Priscilla (Family Welcome)

Autore

Priscilla Galloni

Priscilla Galloni: Copy and web content editor. blogger. web designer. market analyst. geek. mom. - CEO & Founder of familywelcome.org: the city, holidays & fashion guide Made by Moms for curious parents and cool kids.

Prodotti correlati

Camicia in popeline taglio kimono

Camicia in popeline taglio kimono

67,00 €

Dettagli
Gonna in neoprene vichy

Gonna in neoprene vichy

81,00 €

Dettagli
T-Shirt Hitch-Hiker

T-Shirt Hitch-Hiker

29,00 €

Dettagli
Jeans drill stretch

Jeans drill stretch

107,00 €

Dettagli